Topinambur: scopriamo insieme le proprietà e i benefici

Conoscete il topinambur? E’ un tubero dalle mille proprietà, poco diffuso nella nostra cucina, ma molto importante per arricchire la nostra alimentazione e per apportare numerosi benefici.

Il topinambur è il tubero di una pianta vivace, originaria del Nord America, simile allo zenzero per le sue numerose protuberanze. La polpa bianco crema è croccante, succosa, zuccherina, di sapore delicato e ricoperta da una buccia sottile e commestibile, di colore beige.

Ma quali sono le proprietà di questo tubero?

Il topinambur crudo è fonte di potassio, ferro e tiamina; contiene niacina, fosforo, rame, magnesio, acido folico e acido pantotenico.

Inoltre contiene l’inulina, un glucide amidaceo che favorisce la regolarità intestinale e l’emissione di feci ricche d’acqua. L’inulina è un prebiotico, ovvero stimola l’attività e la crescita dei batteri intestinali; inoltre riduce l’assorbimento del colesterolo, migliora l’assorbimento di calcio e riduce lo sviluppo di tumori a livello intestinale.

Questa sostanza è praticamente indigeribile dal nostro organismo, per questo possiamo considerarla come una fibra solubile. Essendo però un carboidrato fermentescibile potrebbe causare un po’ di meteorismo.

Il topinambur crudo (per 100g) contiene:

  • il 78% di acqua;
  • 2g proteine;
  • 2g grassi;
  • 17,4g carboidrati;
  • 1,6g fibre;
  • 76kcal.

Per l’acquisto vi consiglio di scegliere tuberi piccoli e sodi, con la buccia integra ed evitate di comprare i tuberi che hanno cominciato a germogliare.

Ma quale impiego ha in cucina?

Il topinambur può essere mangiato sia crudo che cotto o lo si può anche marinare. E’ ottimo per la preparazione di risotti o di zuppe con altri cereali, come farro, avena e grano saraceno. Lo si può aggiungere crudo nelle insalate, con carote e finocchi, o si può servire marinato come antipasto con tanto limone. Cotto si può aggiungere a minestre, piatti in umido o frittate. Può essere cotto anche in forno, come le patate, e si accosta bene al porro, alle carote e a tantissime altre verdure.

Perché quindi dovreste inserirlo nella vostra alimentazione?

Perché combatte la stipsi, facilita la perdita di peso ed ha un ottimo potere saziante. Inoltre potenzia il sistema immunitario e l’apparato scheletrico ed è privo di glutine. E’ adatto ad ogni fascia d’età ed è utile per molte patologie, tra le quali il diabete.

Non è un prodotto miracoloso ovviamente, ma io lo adoro e provarlo potrebbe essere per voi una dolce rivelazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *