3 buoni motivi per praticare Pilates

Tutti ne parlano, molti lo praticano, ma davvero pochi sanno quanto sia efficace questa disciplina. Di cosa stiamo parlando? Del metodo PILATES!

Il metodo Pilates è un sistema di esercizi sviluppato da Joseph Pilates e si basa sul rafforzamento dei muscoli centrali, sulla flessibilità e sulla respirazione, per promuovere la stabilità e il controllo del movimento.

Su cosa si basa il pilates?

Joseph Pilates dichiarò di basare il suo metodo sulla semplicità ed essenzialità del movimento dei bebè e dei gatti. Tra le discipline praticate che influirono sul suo nuovo metodo di allenamento vi furono il culturismo, lo yoga e la meditazione zen, unite a un grande studio della biomeccanica del corpo e al corretto utilizzo della respirazione.

Il suo metodo, inoltre, aiutava i ballerini a migliorare la loro tecnica e a recuperare più velocemente le lesioni dovute ad allenamenti intensivi.

La sua efficacia è ormai riconosciuta dalla letteratura scientifica che lo supporta come trattamento per i disturbi lombari e per la rieducazione posturale.

Il “core” è il principio cardine del metodo pilates e in genere si riferisce al controllo muscolare necessario per mantenere la stabilità funzionale.

Vi servono 3 buoni motivi per crederci?

Ecco delle evidenze scientifiche che hanno dimostrato l’efficacia del pilates su più aspetti:

  1. Aumenta l’attività dei muscoli del tronco: a dimostrarlo uno studio Koreano condotto su 28 donne, che hanno praticato una sessione di 60 minuti di pilates per 3 volte a settimana, per due settimane. Dopo aver misurato le attivazioni muscolari pre-allenamento e post-allenamento, si è visto come tutti i muscoli del tronco avevano aumentato la loro attività: obliquo esterno ed interno, trasverso e retto dell’addome. I benefici associati alla stabilizzazione del tronco dipendono da una corretta respirazione.
  2. Migliora il tono dell’umore e la qualità della vita: in Brasile hanno coinvolto 63 partecipanti e li hanno suddivisi in 3 gruppi: gruppo di controllo, gruppo di camminata e gruppo di pilates. Lo studio è durato 8 settimane, con sessioni di 60 minuti per 3 volte a settimana. Dopo le 8 settimane di allenamento nel gruppo che aveva praticato pilates la qualità della vita era aumentata, mentre i livelli di ansia e di depressione erano diminuiti.
  3. Potenzia la flessibilità e riduce il mal di schiena: uno studio condotto in Brasile su 32 volontari ha suddiviso questi in due gruppi (pilates uno e stretching tradizione l’altro) e li ha sottoposti ad allenamenti di 60 minuti per 2 volte a settimana, per tre mesi. Alla fine dello studio hanno valutato con un flessimetro la flessione e l’estensione del tronco, flessione dell’anca e plantare e dorsiflessione della caviglia. Tutti questi parametri erano migliorati nei soggetti che avevano praticato pilates.

Quindi, sportivi e non, se non vi bastano questi 3 motivi sono pronta ad elencarvene altri cento, ma credo bastino per iniziare ad appassionarvi di questa utilissima disciplina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *